Sorgerà in Argentina una nuova mega mining farm

Bitfarms

Bitfarms ha annunciato la realizzazione di una mega mining farm di Bitcoin in Argentina. 

Bitfarms è una società canadese di mining di Bitcoin fondata nel 2017. La prima nel suo genere ad aver completato il prospetto a lungo termine con la Ontario Securities Commission. la società è sbarcata in borsa nel luglio 2019.

La società canadese punta all’energia rinnovabile 

Attualmente è quotata anche al Nasdaq, oltre che a Toronto, con il ticker BITF. 

Possiede cinque stabilimenti di scala industriale in Québec, alimentati per oltre il 99% da energia idroelettrica rinnovabile. 

Di recente ha iniziato la costruzione di un impianto anche in Argentina. La nuova struttura dovrebbe aggiungere fino a 210 MegaWatt di potenza già nel 2022, grazie ad elettricità fornita da una società elettrica privata.

Il nuovo impianto sarà ospitato sul terreno di una compagnia elettrica privata. Questo perché la ridotta domanda di elettricità della zona ha consentito alla società stessa di siglare un accordo con Bitfarms, della durata di otto anni. Ad oggi la maggior parte del lavoro di progettazione e sviluppo ingegneristico del nuovo impianto è già stato portato a termine, e la preparazione del sito è già iniziata.

La mining farm dovrebbe ospitare oltre 55.000 apparati, tra cui 48.000 miner MicroBT di ultima generazione acquistati all’inizio del 2021. 

Il CEO di Bitfarms, Emiliano Grodzki, ha dichiarato: 

“Con l’espansione in Quebec, Canada ed il progetto di costruzione in Paraguay, siamo posizionati per raggiungere il nostro obiettivo aziendale di 8 ExaHash al secondo entro la fine del 2022. L’impianto argentino dovrebbe minare Bitcoin utilizzando l’energia a un costo interessante di soli 2,2 centesimi di dollaro USA per kilowattora. Riducendo sostanzialmente il nostro già basso costo di estrazione di Bitcoin”. 

In totale ad oggi in tutto il mondo sono circa 160 gli EH/s utilizzati per il mining di bitcoin, Bitfarms da sola punta ad avere il 5% dell’intero hashrate di Bitcoin. 

Bitfarms
Bitfarms

Bitfarms punta alla percentuale dell’hashrate

Ogni 10 minuti vengono dati 6,25 BTC in premio a chi riesce a minare un nuovo blocco della blockchain di Bitcoin, ovvero circa 900 BTC al giorno. Ad un prezzo superiore ai 55.000$ per Bitcoin, i miner vengono ricompensati con 50 milioni di dollari in BTC ogni giorno. Questo per il loro lavoro di convalida delle transazioni. 

Nel caso in cui Bitfarms dovesse riuscire a raggiungere il 5% dell’hashrate totale, potrebbe incassare circa 2,5 milioni di dollari al giorno in premi per il lavoro di estrazione degli hash che convalidano i blocchi. 

Nel corso del 2021 il prezzo dei titolo BITF in borsa è passato da 2,25$ a 5,25$, con un picco ad oltre 8$ a febbraio. Fino ad oggi ha guadagnato il 133%, ovvero più del 93% ottenuto nello stesso periodo da BTC.

The post Sorgerà in Argentina una nuova mega mining farm appeared first on The Cryptonomist.

Author: