Cosa sono gli ETF e perché hanno fatto crescere il prezzo di Bitcoin

Cosa sono gli ETF

ETF letteralmente significa Exchange Traded Fund. Come dice il nome, si tratta di fondi strutturati per essere scambiati in borsa. 

Cosa sono gli ETF

In altre parole, sono fondi che vengono creati in modo da poterne mettere le azioni su qualche borsa così che queste possano essere comprate e vendute liberamente.

Appartengono alla più ampia famiglia degli ETP (Exchange Traded Products), a cui appartengono anche gli ETC (Exchange Traded Commodities) e gli ETN (Exchange Traded Notes), entrambi quotati in borsa come gli ETF.

In particolare, gli ETF sono spesso fondi a gestione passiva, il cui valore è legato direttamente ad un sottostante, che può essere un indice, un’azione, un’obbligazione, una valuta, una materia prima (come lingotti d’oro), o anche criptovalute, e generalmente opera con un meccanismo di arbitraggio progettato per mantenere il prezzo delle azioni scambiate in borsa il più vicino possibile al valore del sottostante, anche se occasionalmente possono verificarsi deviazioni dalla parità.

Sono fondi a responsabilità limitata, le cui azioni vengono emesse proprio con lo scopo di essere scambiate in borsa.

La maggior parte fondi indicizzati detengono gli stessi titoli nelle stesse proporzioni di un determinato indice, in modo da replicarne il trend del prezzo nel modo più preciso possibile.

Ad esempio, l’ETF sull’indice S&P 500, o sul NASDAQ-100, hanno azioni che vengono scambiate in borsa con un prezzo sempre molto simile a quello degli indici che utilizzano come sottostanti.

In alcuni casi invece la gestione è attiva, come il famoso Innovation ETF di ARK, ovvero il sottostante viene modificato per generare il massimo rendimento possibile.

ETF, funzionamento e vantaggi

Il funzionamento è semplice: il fondo divide la proprietà di se stesso in azioni che sono detenute dagli azionisti. In questo modo gli azionisti possiedono indirettamente gli asset detenuti dal fondo, ed hanno diritto anche ad una quota degli eventuali utili, come interessi o dividendi. Le azioni del fondo possono essere vendute o comprate in borsa.

Il vantaggio è che le azioni degli ETF si scambiano esattamente nello stesso modo, e soprattutto con gli stessi strumenti, che si utilizzano per operare sui mercati azionari, rendendoli accessibili molto facilmente a milioni di investitori e speculatori. Inoltre consentono di ottenere anche altri vantaggi tecnici, come ad esempio in alcuni casi costi ridotti.

Il maggior ETF per valore gestito è SPDR S&P 500 ETF Trust (SPY), che detiene asset per 405 milioni di dollari, e scambia circa 70 milioni di dollari al giorno. Tra i maggiori emettitori di ETF al mondo ci sono iShares e Vanguard.

Negli USA esistono fin dall’inizio degli anni ’90 del secolo scorso, e da allora hanno conseguito un successo sempre crescente, con volumi degli scambi ed asset gestiti in crescita. La semplicità che offrono all’investitore medio li rende prodotti estremamente competitivi, soprattutto sul mercato retail.

Acquistare ETF è simile ad acquistare un paniere di titoli, ma è possibile farlo al giorno d’oggi con solamente un paio di click, senza dover passare per alcune procedura lunga e complessa.

Cosa sono gli ETF
Il primo ETF su Bitcoin è stato lanciato lo scorso 19 ottobre

Gli ETF su Bitcoin

Ad esempio, il recente successo dell’ETF sui future di Bitcoin è dovuto molto probabilmente proprio alla facilità ed alla velocità con cui ci si può investire, a differenza degli investimenti diretti in BTC che richiedono lunghe procedure di registrazione agli exchange, ed una gestione attiva e corretta dell’asset.

Con gli ETF questi problemi vengono semplicemente eliminati, spostandoli sul gestore del fondo, consentendo quindi a tutti un investimento facile e veloce in una vastissima gamma di asset differenti, o panieri di asset.

Negli Stati Uniti, fino ad una settimana fa, non esisteva alcun ETF su Bitcoin. Nel giro di pochi giorni si è registrato il debutto di quello di ProShares, poi il lancio di Valkyrie e per lunedì è atteso anche VanEck. Questo vuol dire che ci sarà potenzialmente molta concorrenza.

Nel frattempo, dopo che Bitcoin ha segnato un nuovo record storico, il prezzo di oggi sembra in affanno. BTC è tornato a 63.000 dollari. Non resta che attendere l’impatto dell’ETF di Valkyrie sul mercato.

The post Cosa sono gli ETF e perché hanno fatto crescere il prezzo di Bitcoin appeared first on The Cryptonomist.

Author: