Il ritratto dell’investitore moderno

investor xtb

XTB in una ricerca evidenzia quali sono le caratteristiche principali del nuovo investitore medio.

Complici i lock down, ma anche un mondo del lavoro sempre più precario (trend in essere già prima della pandemia), molte persone si sono ritrovate in difficoltà anche economiche non potendo lavorare ed avendo molto tempo a disposizione. 

Questa istantanea unita anche al fatto che un’inflazione molto aggressiva (la peggiore degli ultimi 40 anni) erode di quasi il 10% il capitale nei vari portafogli, ha gettato le basi a un boom di nuovi investitori.

Le caratteristiche del nuovo investitore

investitore moderno
Le peculiarità dell’investitore moderno

L’identikit dell’investitore moderno deriva proprio da questo mix di fattori. Di solito è 10 anni più giovane della media ad oggi registrata (circa 36 anni di età), tendenzialmente uomo e con una propensione all’uso di app di scambi e operazioni finanziarie online che proiettano i nuovi appassionati della finanza in un futuro molto più dinamico. 

Secondo XTB, l’investitore moderno è tendenzialmente un uomo, ma anche il gentilsesso fa la sua parte con percentuali che variano a seconda del Paese. In Europa, ad esempio, fanalino di coda sono Repubblica Ceca (3%) e Slovacchia (2%), il bel Paese oscilla tra il 10 e il 13%, mentre è leader di questa speciale classifica la Romania, con il 70% di donne in affari. 

Rispetto agli anni 90 e 2000 chi investe oggi in borsa, forex, strumenti vari, valute ecc. lo fa con una consapevolezza ed un’efficacia molto maggiori rispetto al passato. 

Un risultato che balza all’occhio della ricerca condotta da XTB è come gli investitori di oggi siano i più formati di sempre e come i loro margini per operazioni siano i più alti mai registrati. 

Propensione allo studio, tempo per analisi, una sana curiosità e conoscenza degli strumenti tecnologici hanno contribuito al successo nelle operazioni finanziarie e non solo con una predilezione particolare per azionario, ETF, criptovalute e metalli preziosi

Un altro volano molto importante che spinge ad investire è senz’altro la possibilità di farlo gratuitamente. Non tutte le piattaforme offrono questa possibilità, ma, ad esempio, Binance e la stessa XTB rientrano in questa ristretta cerchia. 

Nel caso specifico di XTB sono gratuite tutte le operazioni sotto i 100.000€ riguardanti qualsiasi strumento e in qualsiasi lasso temporale. 

Le conclusioni degli analisti di XTB

Walid Koudmani, Chief Market Analyst di XTB, riguardo l’identikit dell’investitore tipo si è così espresso:

Rispetto al profilo degli investitori tradizionali che negoziavano anche prima della pandemia, i nuovi trader sono più giovani di oltre 10 anni e sono più abili perché riconoscono nella formazione un elemento essenziale del loro successo”.

Aggiungendo come:

Molti si sono avvicinati all’azionario perchè ritengono che, di fronte all’aumento dell’inflazione, sia impossibile mantenere il valore di un investimento basandosi solo su attività prive di rischio: scegliere un deposito bancario sicuro, ma a basso interesse, come modalità di gestione del risparmio, significa una reale diminuzione del valore dei fondi accumulati. Presumibilmente, alcune persone hanno deciso di iniziare a investire utilizzando altri strumenti, mercato azionario incluso.

Uno studio congiunto tra XTB e la Normale di Pisa ha messo in luce come in Italia, in particolare per un totale di 560.000 investitori attivi dal 2019 ad oggi, 185.000 di essi siano neofiti che non avevano mai effettuato transazioni prima. 

Koudmani aggiunge sul tema investimenti nel proprio Paese che:

La globalizzazione e lo sviluppo di strumenti digitali hanno probabilmente contribuito all’accresciuta popolarità del mercato azionario. La pandemia ha favorito l’uso delle piattaforme online, anche quando si tratta di acquistare azioni. Gli investitori possono ora accedere in modo conveniente non solo agli stock exchange locali, ma anche ai mercati azionari globali. Molti di loro sfruttano queste opportunità investendo in azioni di colossi globali famosi come Apple, Google o Meta (Facebook). ” 

The post Il ritratto dell’investitore moderno appeared first on The Cryptonomist.

Author: