La blockchain è al servizio del gaming

blockchain gaming

Tra i tanti utilizzi in cui la blockchain ha acquistato un peso rilevante in questi ultimi dieci anni, uno dei più interessanti e in maggiore crescita è sicuramente quello legato al settore del gaming. 

Soprattutto dopo l’esplosione degli NFT e della finanza decentralizzata (DeFi), che hanno fornito un mezzo per guadagnare giocando al proprio videogioco preferito.

Il mercato del gaming nel mondo, com’è cambiato dopo l’avvento della blockchain

L’industria dei giochi è più grande in termini di entrate in tutto il mondo rispetto alle industrie cinematografiche e televisive combinate. 

Il mercato del gioco è stato valutato a 198,40 miliardi di dollari nel 2021 e si prevede che raggiungerà un valore di 339,95 miliardi di dollari entro il 2027, registrando un CAGR dell’8,94% nel periodo 2022-2027. 

Il numero totale dei giocatori avrebbe superato la fatidica soglia dei 3 miliardi di persone lo scorso anno. Il mercato Asia Pacifico fa da padrone, soprattutto per la grande diffusione del mobile gaming.

Il caso di Axie Infinity, numeri da record

Basta vedere il successo esponenziale raggiunto in pochi mesi da uno dei più famosi giochi in blockchain attualmente sul mercato Axie Infinity, il gioco sviluppato dalla società vietnamita Mavis nel 2017, che ha ormai milioni di appassionati in tutto il mondo. 

Si tratta di un gioco online basato su NFT che è incentrato sull’allevamento e la battaglia tra giocatori online, che guadagnano token nativi delle società, compiendo determinate azioni di gioco.

Secondo gli ultimi dati a disposizione il mercato del gaming in blockchain nel 2021 valeva già 3 miliardi di dollari. 

Le previsioni parlano di una crescita fino 39,5 miliardi di dollari entro il 2025. Oltre 1,6 milioni di giocatori in tutto il mondo si cimentano in qualche gioco in blockchain, come appunto il diffusissimo Axie Infinity.

Secondo un rapporto di DappRadar, a gennaio 2022 c’erano 398 giochi blockchain attivi, con una crescita del 92% rispetto all’anno precedente. 

Sempre secondo i dati del report, il numero di portafogli che effettuano  transazioni per prodotti legati ai giochi è aumentato a 1,4 milioni. Il rapporto menziona anche che i venture capitalist hanno investito 4 miliardi di dollari in giochi basati su blockchain nel 2021, rispetto agli 80 milioni di dollari dell’anno prima. 

Insomma, un vero e proprio boom che ha subito una leggera frenata nei primi mesi del 2022 a causa del grande crollo del mercato crypto.

La principale differenze tra i giochi normali e quelli in blockchain è che, mentre i primi sono controllati da un’autorità terza, i secondi sono, invece, decentralizzati.

Grazie agli NFT e alle crypto è nato il concetto di play-to-earn che permette appunto al giocatore di guadagnare token o crediti solo giocando o compiendo interazioni con altri giocatori.

gaming play to earn
Una delle innovazioni più grande è lo sviluppo del settore GameFi

La grande novità dei giochi play-to-earn

Con l’avvento dei giochi blockchain, i giocatori possono quindi monetizzare il loro tempo, abilità e sforzi spesi per giocare. Si tratta di una vera e propria rivoluzione rispetto al concetto di videogioco che presuppone che in qualche modo il giocatore paghi per scaricare o anche solo per giocare. 

Nei giochi basati su blockchain, i giocatori possono guadagnare premi come criptovalute, armi, avatar, skin, monete, ecc.

E ottengono la piena proprietà di queste risorse. Queste risorse hanno un valore al di là della sfera di competenza dei giochi e i giocatori possono fare soldi per le loro abilità di gioco. Alcuni giocatori hanno già fatto di questi giochi una consistente fonte di guadagno.

Ed è per questo motivo che i colossi del videogioco si stanno lanciando in questo importante segmento, come Ubisoft, ad esempio, che a dicembre ha lanciato la sua piattaforma di gioco NFT, Ubisoft Quartz. 

Microsoft ha acquisito Activision con un accordo da 68 miliardi di dollari proprio per lanciarsi nel promettente mondo dei giochi NFT e metaverso. 

Alla fine del 2021 la società aveva affermato di essere pronta ad implementare la blockchain sulla sua console di gioco Xbox.

Secondo una recente ricerca, circa il 61,4 % dei più importanti sviluppatori di gaming pensa che la blockchain sarà la vera rivoluzione per i giochi del futuro e la maggior parte di questi dice che ha già studiato l’implementazione di essa sui loro videogame. 

The post La blockchain è al servizio del gaming appeared first on The Cryptonomist.

Author: