L’exchange crypto Kraken si oppone alla SEC: “rischio di disordine finanziario”

kraken

Il team legale dell’exchange crypto Kraken ha sollecitato un tribunale a rigettare le richieste della SEC, sostenendo che potrebbero portare a un “notevole rimaneggiamento” del sistema di regolamentazione finanziaria degli Stati Uniti. 

Al centro della questione c’è il dibattito sulla giurisdizione della SEC in merito alle criptovalute elencate da Kraken. Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Crypto news: Kraken sostiene che le richieste della SEC potrebbero destabilizzare l’intero sistema finanziario

Come anticipato, Kraken, un exchange crypto, ha chiesto a un tribunale statunitense di respingere le richieste della Securities and Exchange Commission (SEC). 

Nello specifico sostenendo che potrebbero causare un “significativo riordino” del quadro normativo finanziario negli Stati Uniti. 

La richiesta di Kraken, presentata presso il tribunale del distretto settentrionale della California, arriva in risposta alla citazione della SEC emessa lo scorso novembre. 

La quale accusava l’exchange di non essersi registrato come broker, stanza di compensazione o exchange. 

La SEC aveva avviato la sua azione legale contro Kraken alcuni mesi dopo aver risolto un precedente caso legato all’attività di staking dell’exchange.

Nel febbraio 2024, Kraken ha chiesto di respingere la causa della SEC, sostenendo che le criptovalute menzionate nell’accusa dovrebbero essere considerate materie prime piuttosto che titoli. 

Tuttavia, nel mese scorso, la SEC ha presentato una risposta di 39 pagine alla mozione di archiviazione di Kraken, sostenendo che l’azione esecutiva rientra chiaramente nella sua giurisdizione, come stabilito dal Congresso.

Giurisdizione e regolamentazione: la contesa tra Kraken e la SEC

Il documento della SEC, depositato ad aprile, afferma che l’agenzia è stata creata per far rispettare le leggi sui titoli e sugli exchange, inclusi i requisiti di registrazione per gli intermediari mobiliari. 

La SEC sostiene di seguire il proprio mandato applicando il test di Howey, che determina cosa costituisce un titolo. Questo si basa su quattro criteri: un investimento di capitale in un’impresa comune, con un’aspettativa di profitto generata dagli sforzi di altri.

La SEC respinge l’idea che stia assumendo nuovi poteri e sottolinea che il Congresso non ha bisogno di emanare leggi specifiche per ogni nuova tecnologia.

Gli avvocati di Kraken hanno replicato che la SEC non è in grado di soddisfare i criteri aggiuntivi del test di Howey. 

In particolare sostenendo che il loro caso potrebbe portare a un’espansione indebita della giurisdizione della SEC, trasformando attività che non sono mai state soggette alla sua autorità in oggetti di regolamentazione. 

Un cambiamento così radicale nella struttura normativa, affermano, dovrebbe essere discusso in Congresso e non deciso dai tribunali. Il giudice William H. Orrick è incaricato di esaminare la questione il 12 giugno.

Kraken Si espande in Germania: la partnership con DLT Finance 

Kraken ha di recente annunciato una nuova collaborazione per servire i clienti in Germania, espandendo la sua presenza nei mercati europei. 

La partnership è stata stabilita con DLT Finance, una società con licenza BaFin, attraverso i suoi marchi DLT Securities GmbH e DLT Custody GmbH. Questo accordo mira a facilitare l’accesso agli asset digitali per gli utenti tedeschi.

La Germania e l’Europa sono diventate epicentri dell’adozione delle criptovalute, con diverse città tedesche che mostrano interesse per l’halving di Bitcoin (BTC) e il settore bancario crittografico dominato da fornitori europei. 

David Ripley, CEO di Kraken, ha evidenziato che oltre il 5% dei tedeschi possiede asset crittografici, sottolineando la crescente domanda nel paese: 

Con questa partnership, i clienti tedeschi ottengono accesso alle criptovalute con la certezza di fare trading con un’offerta best-in-class mentre la Germania transita verso un nuovo quadro normativo paneuropeo.” 

La collaborazione si inserisce in un contesto di evoluzione normativa nell’Unione Europea, con l’introduzione del regolamento Markets in Crypto Assets (MiCA), che fornisce un framework dettagliato per i fornitori di servizi di asset digitali. 

Dopo tre anni di sviluppo, MiCA stabilisce regole per l’emissione di stablecoin e i requisiti di riserva. La piena implementazione delle nuove regole è prevista per dicembre.

Questo nuovo accordo segue altre iniziative di Kraken per espandersi in Europa. 

Tra cui l’acquisizione del broker di criptovalute olandese Coin Meester BV e l’approvazione dell’istituto di moneta elettronica dalla banca centrale irlandese, consentendo all’exchange di operare in diversi paesi, tra cui Irlanda, Italia, Spagna e Belgio.